Home » Annunci donna cerca uomo » Padrona cerca schiavo da utilizzare a suo piacimento

Padrona cerca schiavo da utilizzare a suo piacimento

RISPONDI ALL'ANNUNCIO

Prima di essere una donna sono una padrona.

Lo sono sempre stata. Provengo da una nobile famiglia alsaziana, e da sempre sono stata abituata a comandare nella vita privata, questa mia inclinazione a impartire ordini è stata presto trasferita nella camera da letto, e già dall’adolescenza impartivo ordini perentori ai miei amici di gioco.

padrona-schiavizzaLa mia è stata una passione che si è affinata negli anni, e adesso traggo godimento dal mio corpo solamente infliggendo punizioni corporali, e umiliazioni mentali.

Ho avuto molti uomini, alcuni accettavano questo mio modo particolare di fare sesso con ritrosia, altri erano incuriositi, altri ancora mi assecondavano allo scopo di ottenere il mio splendido corpo.

Da alcuni sono stata soddisfatta, altri li ho cacciati malamente dalla camera da letto, non cerco infatti degli schiavi passeggeri, ma cerco una persona convinta che si metta completamente a mia disposizione, e su cui posso fare tutto ciò che mi passa dalla mente.

A volte la mia eccitazione è legata al dare dolore fisico, altre volte mi limito solamente a umiliazioni verbali, il comune denominatore è che l’uomo con cui giocherò deve essere totalmente succube della sua padrona.

Non importa l’età anche se non deve essere lontana dalla mia (io ho 39 anni), non importa la bellezza anche se il mio futuro schiavo deve essere “guardabile”, non importa l’aspetto fisico anche se prediligerei un uomo senza tanti peli, importa solamente che la sua mente sia totalmente a mia disposizione.

Vorrei poter giocare con lui assumendo le sembianze di un uomo e sodomizzarlo tramite uno strap on, vorrei invece poter utilizzare la frusta sulla sua schiena, vorrei voler che mi servisse vestito solamente di un grembiule, e lui in tutti questi casi dovrebbe… solo obbedire senza proferir parola.

Mi attira particolarmente l’idea di portarlo in ferie con me, grazie al mio nobile retaggio i soldi per me non sono un problema, lui assumerebbe il ruolo di facchino e autista, e eseguirebbe dinanzi agli altri i miei ordini immediatamente.

Una volta in camera diventerebbe il mio massaggiatore personale, farebbe rilassare i miei muscoli con le sue mani, e si dedicherebbe in maniera approfondita ai miei piedini.

Pregusto il momento in cui ordinerei al mio schiavo di preparare gli attrezzi, che porto sempre con me.

Il mio schiavo dovrebbe posizionare su un tavolinetto, le varie fruste che poi userò su di lui, secondo me è il momento peggiore perché alla paura del dolore fisico, c’e anche l’umiliazione che quel dolore viene in parte agevolato dalla sua opera manuale.

Non avrebbe il permesso di dormire insieme con me, dovrebbe riposare accucciato ai piedi della sua padrona, cosi come fanno i cani, perché lui ai miei occhi sarebbe solamente un cane da cui trarre godimento mentale, e qualche volta fisico.

Non sempre, infatti, domanderei al mio schiavo di farmi godere, a volte è capitato che usassi vibratori a posto del suo membro, penso che la fase più importante sia quella dell’eccitazione, eccitazione che nasce dal fatto di possedere totalmente un uomo.

Molte volte non ho dato il permesso di venire alla persona che assume il ruolo di servo sessuale.

Dipendere da altri e aspettare il permesso di godere, è forse questa la prova più dura che un essere umano possa sopportare. Superarla farebbe guadagnare ai miei occhi una stima particolare.
Si deve, infatti, essere molto bravi a dominare l’eccitazione di una serata trasgressiva particolare, quell’eccitazione che deriva dal sapere di essere posseduti totalmente da una donna che è la propria padrona.

Cerco tutto questo nel mio schiavo, e spero che con quest’annuncio qualcuno possa trovare in me la sua… padrona ideale.

CONTATTAMI IN PRIVATO