Siamo una coppia di donne entrambe bisessuali, da sempre amiche per la pelle.

Rappresentiamo, se possibile, l’esatto esempio di come alcune persone, pur non essendo familiari, condividono la propria vita fin quasi dalla nascita.

donne-cercano-uomoI nostri genitori si frequentavano, frequentazione approfondita durante la nostra nascita che è avvenuta a 3 giorni di distanza.

Le nostre famiglie abitavano vicine, e la nostra adolescenza è praticamente avvenuta come se fossimo sorelle, questo ha cementato la nostra unione, e erano in tanti i conoscenti a pensare che fossimo legate da legame di sangue.

Crescendo c’e’ stata la fase dei primi amori, per entrambi gli uomini non dicevano nulla, il più delle volte, ma non sempre , la loro maggiore peculiarità era in “mezzo alle gambe”, per il resto erano e sono insipidi e scialbi.

 

Un giorno mentre ci confidavamo l’ennesima delusione amorosa, avvenne il nostro primo bacio.

Ricordiamo ancora con piacere come esso inizio per essere un bacio di “vicinanza affettiva” e piano piano si trasformo in un gioco tra le nostre lingue, trasgressivo e alquanto eccitante.

Passò qualche altro mese e ufficialmente divenimmo una “coppia di fatto”, il nostro trasferimento assieme in una nuova città, un nuovo lavoro trovato assieme, e naturalmente una residenza in comune, residenza che non dava nessun sospetto vista la nostra crescita in comune.

Nessuno di noi ambisce a una relazione sentimentale con un uomo, ci soddisfiamo e ci integriamo a vicenda, anche se qualche volta desidereremmo avere a disposizione un bigolo di carne, e non il solito vibratore in plastica con la quale spesso ci soddisfiamo vicendevolmente.

Cerchiamo per questo, con quest’annuncio, un ragazzo da inserire nel nostro menage, non lo vogliamo esperto perché questo pregiudicherebbe quell’innocenza che sta alla base di ogni relazione coinvolgente.

Ne abbiamo parlato spesso, lo ricerchiamo sicuramente maggiorenne, ma senza quella vivacità in campo sessuale, che lo porterebbe a volere la sua soddisfazione prima della nostra.

Egli per noi deve essere un vero e proprio sexy toys umano, un giocattolo da mettere in mezzo al nostro rapporto, e di cui godere e far godere il nostro corpo.

Immaginiamo già l’incontro, lo attenderemmo vestite di tutto punto, e saremmo estremamente formali nella prima fase della serata.

Ridiamo spesso pensando come ogni uomo si ecciti, quando improvvisamente ci vede allacciati in un bacio saffico.

Sappiamo benissimo l’attrattiva che nella razza maschile è esercita dall’amore lesbico, e non abbiamo mai visto sino adesso nessun pene rimanere flaccido, quando vede i nostri bei corpi allacciati in un 69, con le nostre lingue che esplorano reciprocamente quel monte di venere desideroso di attenzioni.

La serata continuerebbe con noi ragazze in parte attiva, e con il ragazzo pronto a penetrare a turno le nostre piccole fessure, sicuramente vogliose della carne maschile.

Abbiamo la consapevolezza che non sarà difficile godere tutti assieme, un godimento che sarebbe massimo per noi, ma magnifico per chi come il nostro giovane amico si ritroverebbe a vivere una avventura magnifica…averci a sua disposizione per una sera.