Misteriosa, avvolgente, profonda. Sono questi gli aggettivi che meglio aderiscono alla mia personalità e credo che, per me, il sesso sia il tramite più idoneo per esprimere tutto ciò che sono. Comunicare attraverso il mio corpo e i suoi mille anfratti è la mia specialità e, se continuerai a leggere, capirai meglio cosa intendo dire.

Amante ingoio

Dedico molto tempo alla cura del mio fisico che ha il profumo sensuale di una fragola matura e un’innata femminilità passionale. Mani calde e morbide per accarezzare, labbra vogliose per assaporare e una gola larga da esplorare. Nella vita di tutti i giorni, dal lavoro al tempo libero, mi piace essere impeccabile e sempre perfetta.

Il mio modo di vivere la sessualità è lontano dall’essere un tabù e l’ambito della carnalità è parte integrante della vita reale. Quindi, perché provare imbarazzo davanti a un corpo nudo o mentre si gode? Mi piace condividere questi pensieri con ragazzi che la pensano allo stesso modo e per i quali è impossibile scindere i due mondi, quello del sesso da quello delle normali attività quotidiane.

Adoro trascorrere del tempo sdraiata sul letto, senza nulla addosso mentre massaggio lentamente la verga di chi mi sta affianco. E chiacchierare, in totale libertà. Sì, perché la libertà e l’altruismo sono due elementi essenziali della mia sfera erotica. I vincoli della penetrazione, spesso, mi lasciano perplessa e non mi danno la possibilità di esprimermi al meglio. Preferisco che il mio corpo sia libero di potersi muovere, soprattutto dalla cintola in giù… quella del partner che mi sta di fronte mentre io sono inginocchiata o rannicchiata su di lui.

Sono anche una donna che ama i contrasti e le differenze. Ed è per questo che prediligo ragazzi giovani, magari inesperti e che abbiano voglia di lasciarsi travolgere dalla frenesia incontrollabile che solo i miei giochetti di bocca possono offrire. Dei ragazzi giovani amo i conflitti: galletti e sbruffoni fuori dalle lenzuola, poco più che timide prede quando abbasso loro gli slip e accarezzo le turgide aste. E quando le impugno tra le mani, io desidero che la facciano entrare dentro di me; ma adagio, senza alcuna fretta.

Occorre prima che la mia lingua gusti ogni centimetro di quella durezza, sia nel senso della lunghezza sia in quello della circonferenza. E mentre le labbra si schiudono su e giù, baciandolo avidamente, la mia voglia più grande è quella di ingoiarlo, tutto, fino a ingurgitare ogni piccola parte.

È per questo che, a quel punto, mi piace avvertire il calore di una mano maschile dietro la mia nuca o sulle mie tempie. Mani che stringono e che bloccano la mia testa mentre muovono il bacino in direzione della mia ugola.

Dall’esterno verso l’interno, mi piace che gli uomini sprofondino dentro di me, nella mia bocca, non solo per farli impazzire di un piacere immenso ma anche per sintonizzare il loro vigore con la mia carica vitale. Colpi secchi e decisi che mi sommergono dalla lingua in giù mentre la mia testa asseconda ogni voglia.

Una fusione di corpi: in quel momento, io sarò sua ma dall’orgasmo in poi, lui sarà letteralmente parte di me. È questo il momento che più mi intriga e mi affascina: avvertire le pulsioni del membro maschile in bocca, sentire la pressione che sale e spingere verso il picco del piacere massaggiando le palle finché, dopo un avido movimento rotatorio con tutta la testa, lo sento schizzare violentemente dentro, bagnandomi e inondandomi dappertutto, dal palato alla gola. Una sensazione soffocante, al limite di ogni possibilità di trattenere il respiro. Cosicché, l’unica soluzione, è quella di buttare giù tutto e sentirmi soddisfatta.

Vuoi conoscermi? Iscriviti gratis adesso!