Home Annunci donna cerca uomo Elegante professoressa gran porca

Elegante professoressa gran porca

Ogni giorno la mia sveglia suona e so che dovrò andare a scuola.

No, non sono una studentessa ma mi ritrovo dall’altra parte della cattedra.

Sono una professoressa.

Una di quelle con gli occhiali e i capelli raccolti, il trucco perfetto e i tailleur eleganti.

Metto spesso i tacchi alti perché amo vedere i polpacci che si tendono sotto la spinta del piede, così come spesso e volentieri indosso delle autoreggenti sotto la gonna, ma nessuno lo sa.
Immagino che i miei studenti facciano fantasie su di me, perché quando mi giro improvvisamente vedo i loro sguardi sul mio sedere tondo o, quando li interrogo e sono in piedi vicino alla cattedra, il loro sguardo scende sul bottone slacciato della mia camicia, speranzosi di vedere un accenno di reggiseno…

Se solo sapessero che non li indosso mai.

Sono diventata insegnante perché amo la cultura e l’educazione. L’idea di plasmare le giovani menti dei ragazzi mi eccita e infervora ma i rigidi orari scolastici e la mancanza di tempo mi ha portato a declinare molti inviti a cena, e conseguenti fidanzati.

Quando la mattina indosso le mie autoreggenti, la mia gonna e la mia giacca, immagino di far sedurre uno studente e abbassargli la patta dei pantaloni, infilando la mano nei suoi boxer e giocando a stuzzicarlo.

Gli dico che se migliorerà i suoi voti, avrà una notte infuocata con me, sono sicura che se lo facessi sul serio, tutti i miei studenti migliorerebbero in pochi giorni.
Senza contare che, durante gli incontri con i genitori, molti padri mi guardano in maniera talmente spinta e vorace che li spingerei a cavalcioni sulle mie ginocchia, abbassandogli i pantaloni e schiaffeggiandoli sul loro bel sederino.

Vorrebbero possedermi, padri e figli, e a volte mi sono ritrovata ad abbassarmi per raccogliere una penna solo per consentirgli di guardare per bene il mio sedere.
Altre volte ancora ho alzato la gonna del tailleur mentre sedevo sulla cattedra, parlando di scuola e rendimento, e loro fissavano la balza delle mie autoreggenti, mentre i loro pantaloni si gonfiavano a dismisura e io sorridevo, cosciente del mio potere seduttivo.
Molto spesso le mogli se ne accorgono e mi guardano con odio e invidia, sarà per questo che adesso agli incontri vengono solo le mamme mentre i papà attendono in auto, fantasticando sulle mie gambe lunghe e sul sedere prosperoso.
Penso continuamente a queste cose e so che è dovuto alla mia mancanza di sesso, eppure ne ho così tanta voglia…
Voglio un uomo che rimedi a questa mancanza, non importa che sia acculturato o meno, provvederò io alle sue lacune, magari vestita da professoressa sporcacciona.
Ti assicuro che saranno le migliori ripetizioni della tua vita.

PER CONOSCERMI ISCRIVITI ADESSO GRATIS